Go zia Go!

Small pieces of history in suspension

Posted in fotografia by Zia on 12/02/2011

“Ruins are the visible symbols and landmarks of our societies
and their changes, small pieces of history in suspension.

The state of ruin is essentially a temporary situation that happens at
some point, the volatile result of change of era and the fall of empires.
This fragility, the time elapsed but even so running fast, lead us to watch them one very last time :
being dismayed, or admire, making us wondering about the permanence of things.

Photography appeared to us as a modest way
to keep a little bit of this ephemeral state.”

marchandmeffre.com

La leggerezza

Posted in fotografia, stile by Zia on 23/01/2011

Il clichè dello spot dello snack che crocca e ti fa essere sempre snello vive finalmente una nuova era:

Tagged with: , , , ,

Le nuvole vanno e vengono, alle volte ritornano

Posted in fotografia, vacanze by Zia on 28/10/2010

Che il cielo e le sue espressioni abbiano un fascino è noto. Ogni momento, se guardi su c’è qualcosa di diverso che scorre, colora, racconta.
C’è chi ha pensato di raccogliere le foto del cielo e delle nuvole (sue grandi protagoniste) per documentarne il mutamento attraverso le stagioni, le latitudini e le prospettive.
Ad esempio io scelgo Luglio (il mese della mio compleanno) e guardo il cielo che attorno al mondo ne ha illuminato le giornate. Bellissimo!

www.clouds365.com

Tagged with: , , ,

Quando Standard non significa “nella norma”

Posted in arredo, fotografia, vacanze by Zia on 23/10/2010

A New York ci sono tanti modi di stare. Da turista poi, non ne parliamo.
Se avete almeno € 650 da spendere per una notte in albergo, potete toccare con mano la nuova definizione di “Standard“, inteso più che altro come modello di riferimento, che come normalità. A farci venire la voglia, nella gallery, troviamo una sfilza di foto patinatissime dei migliori fotografi della moda… o no?

dd/mm/yyyy

Posted in fotografia, stile by Zia on 05/10/2010

Altro bel colpo per Zuek. Lancia il suo blog: un diario fotografico in perfetto stile “Simonedi”. Molto cool, a partire dal nome, visitare per credere!

alessandrozueksimonetti.blogspot.com

Small Kings, la tavola

Posted in fotografia, skateboard by Zia on 04/08/2010

Strange skateboards + Automatic Books + Alessandro Zuek Simonetti = Small Kings

Un randagio che beve da una pozzanghera é il soggetto della nuova tavola di Strange skateboard

Questa è una delle foto prese in Jamaica che compaiono nella nuova issue di Automatic Books. 30 tavole in silverprint numerate e autografate dal fotografo, verranno vendute assieme alla fanzine al Flame Shop di Castelfranco Veneto  – Borgo Pieve, 31 – oggi dalle 18,00

il progetto Impossible

Posted in fotografia by Zia on 29/07/2010

Produrre nuovi film istantanei per le classiche Polaroid: questo progetto è Impossibile!
La prima che esce recita di non intraprendere un progetto a meno che non sia dichiaratamente importate e quasi impossibile.

Cartucce monotonali, seppia, azzurro pallido, nocciola, grigio. Irresistibile sapore retrò.

Small Kings

Posted in fotografia, vacanze by Zia on 14/07/2010

La piccola casa editrice indipendente battente bandiera veneziana Automatic Books, questa sera ci invita alla presentazione di un nuovo numero a tiratura limitata: Small Kings, una serie di scatti in bianco e nero, presi da Alessandro Zuek Simonetti durate il Passa Passa, in Jamaica. 

Mercoledì 14 luglio

h. 19,00, Spiazzi, Campo S. Martino
Castello 3865, Venezia

Holga D

Posted in fotografia by Zia on 07/07/2010

Se vi piace il concetto di toy camera – bassa qualità di resa, grande aspettativa ed eccitazione allo sviluppo del rullino che “chissà cosa contiene” – questa digitale è il passo successivo.

l’ispirazione di base è la famosa Holga (in produzione da LOMO) sia per l’aspetto esteriore sia per le limitate possibilità tecniche – ad esempio scordatevi il viewfinder…

Ecco a voi la Holga D.

La fotografia in bianco e nero

Posted in fotografia by Zia on 28/06/2010

Se esistesse uno stereotipo della fotografia in bianco e nero Michael Kenna sarebbe il numero uno. Non in senso dispregiativo, anzi, in senso assoluto. Silenzio, sospensione, surrealismo convivono nei suoi paesaggi, contrastati e romantici. Mi rapiscono dal quotidiano.